WORKSHOP DI FOTOGRAFIA SOCIALE E UMANITARIA | 28-29-30 Settembre 2012

WORKSHOP DI FOTOGRAFIA SOCIALE E UMANITARIA

28-29-30 settembre 2012
tenuto da Giovanni Marrozzini

Il Fotoclub Il Bacchino, Benemerito della Fotografia Italiana, in collaborazione con L’Emporio della Solidarietà della Caritas di Prato e con la collaborazione della Confartigianato Pratese, organizza un Workshop di Fotografia Sociale e Umanitaria presso la sede del Fotoclub, in piazza Cardinal Niccolò 8, a Prato.

 

Il Workshop intende formare alla fotografia umanitaria e sociale, secondo le sensibilità del partecipante, sotto la guida esperta e autorevole di Giovanni Marrozzini, giovane fotografo professionista con esperienza particolare su questi temi. (vedi biografia)

 

Le date

Le date di svolgimento saranno il 28, 29 e 30 settembre e 27 e 28 ottobre (facoltative). 

C’è la possibilità di prolungare il workshop anche nell’ultimo week end di Ottobre (27 e 28 ottobre) per la discussione dei diversi lavori realizzati dai partecipanti attraverso l’analisi dei linguaggi utilizzati e osservazioni per il miglioramanto della qualità fotografica, dell’approfondimento delle tematiche sensibili, dell’efficiacia comunicativa dei singoli progetti svolti fino all’orientamento nell’editing finale(fase importantissima). 

E’ possibile partecipare anche solo al secondo Week end di Editing

Marrozzini fornirà inoltre una lettura di tutte le opere indicando i punti critici, gli elementi deboli e le possibili alternative al processo compositivo dell’autore.

Programma generale: 

Marrozzini comincerà il proprio percorso insieme ai partecipanti venerdì dopo cena per continuare sabato e domenica , con visione di lavori propri e scatto di fotografie anche, eventualmente,  presso alcune strutture di volontariato pratesi (Mensa dei Poveri, accoglienza della Caritas, Asilo notturno), o semplicemente percorrendo le strade della Città più multietnica di Italia.

A chi chiede gli orari, Giovanni Marrozzini risponde che per fotografare non ci sono orari. E che nei giorni impegnati la disponibilità dei partecipanti deve essere completa. 

Tuttavia gli orari precisi potranno essere fissati nella serata di venerdì.

Programma – Venerdì
Serata aperta al pubblico per conoscere l’autore con proiezione dei migliori lavori realizzati da Giovanni Marrozzini negli ultimi 5 anni della sua attività fotografica.
Verranno proiettate immagini tratte dai suoi lavori più significativi realizzati in Etiopia, Zambia, Camerun, Argentina, Israele/Territori palestinesi, Paraguay e Albania.

– Africa (Cecità,Mutilazioni genitali femminili,Microcredito)

– Argentina (Hotel Argentina,Emigrazione italiana in Argentina) – Palestina (Hebron,Ospedale Psichiatrico di Betlemme, disagio mentale) – Paraguay (Bambini di strada,tossicodipendenza) – Albania (Ospedali psichiatrici di Elbasan e Scutari)

 La base logistica e degli incontri di verifica è la sede del Fotoclub Il Bacchino, in piazza Cardinal Niccolò, 8, a Prato. Ma ovviamente le foto verranno scattate altrove.

 

COSTO

Il costodel workshop a  week end è 165 euro, per i non soci del fotoclub il Bacchino BFI, e di 155 euro per i soci, comprensivi di Iva.

 

LOGISTICA

I pranzi e le cene possono essere condivisi nell’ampia cucina del Fotoclub, o presso, ove se ne creino le condizioni adeguate, la Mensa dei Poveri Giorgio La Pira.

Per chi ha bisogno di pernottare a Prato sono attivabili convenzioni presso strutture convenzionate al costo di 30 euro a notte compresa la colazione.

 

Un bianco & nero intenso, vivido e viscerale, che non risparmia niente e nessuno, che sa raccontare l’umanità dando forza alle emozioni, caratterizza lo sguardo che Giovanni Marrozzini rivolge al mondo intero, dai paesi più deboli e indifesi dell’Africa e dell’Argentina all’Italia degli ex pazienti manicomiali, anni dopo la legge 180.

I suoi reportage documentano le attività umanitarie intraprese da organizzazioni nazionali e internazionali, puntano l’obiettivo sulla quotidianità delle fasce deboli della società Argentina, sugli effetti della malaria cerebrale in Etiopia, sulla condizione della donna etiope del Wolayta e sulla pratica dell’infibulazione, sul reinserimento in società di ex pazienti dei manicomi italiani, sulla comunità di non vedenti di Soddo, sul fenomeno migratorio marchigiano in Argentina, sullo stato di salute fisica e mentale della popolazione palestinese nella West Bank e nella striscia di Gaza.

 

Pubblicato in Workshop

Fotocub Il Bacchino

Benemerito della Fotografia Italiana
C.F. 92026950482
Aderente alla FIAF (Circolo 643)

fiaf

fiap

Newsletter


Galleria