Laboratori fotografici: Pratografia

In occasione del 50esimo anniversario dalla sua nascita, il Fotoclub Il Bacchino svilupperà un progetto fotografico volto a raccontare Prato attraverso 5 laboratori tematici.

Pratografia ha l’ambizione di percorrere una linea temporale partendo dal passato con “Marmo Verde”, che la storia ci conferma essere stato fondamentale per la costruzione dell’attuale Cattedrale del Duomo, ad un passato più vicino a noi ma proiettato al futuro con “Città/Industria/Natura” dove una Prato, famosa per il tessile, ha dovuto cambiare pelle e reinventarsi.
Arriviamo al presente con “La Movida” che raffigura una Prato allegra, piena di vita e di gioventù e nel nostro presente ma rivolto al futuro c’è “Città Multietnica” dove l’intreccio di etnie, riti e tradizioni hanno il compito farci vivere serenamente insieme.
Fondamentale infine per il nostro futuro è il rispetto della natura e “Agricoltura Urbana” ci indica come abbattere le criticità create dall’uomo.
Questo è il nostro filo conduttore: un viaggio nel tempo caratterizzato da alcuni punti focali di Prato.

Format dei Laboratori

  • 7 incontri (suddivisi tra serate in aula, uscite fotografiche, revisione foto)
  • Le date delle uscite verranno decise con il gruppo di lavoro

Costo per i soci 150 € / Laboratorio – Sconto 10% in caso di partecipazione a 2 o più laboratori

Chiusura iscrizioni – 06 Luglio 2023

Metti il tuo tassello in Pratografia e farai parte anche tu di questa esperienza!


Città / Industria / Natura – Marco Badiani

Negli ultimi decenni i piani urbanistici hanno bandito gli edifici industriali dalle
città, concentrandoli in aree dedicate. Ma di fatto le sagome industriali ancora
oggi caratterizzano i quartieri contemporanei delle città europee più
iconiche. Il riuso, il recupero ma anche gli usi diversi e gli usi minori di questi
edifici hanno cambiato il volto di intere aree. La commistione della città con
l’architettura industriale crea contrasti e pattern interessanti dal punto
di vista visuale. La nuova sensibilità per il “verde” unita al fenomeno del parziale
abbandono di alcune strutture industriali cittadine, ha reso
decisamente interessante il rapporto con la natura, che coraggiosa spesso si
impadronisce e caratterizza gli interstizi tra industria e città. Le esperienze
lavorative e i percorsi conoscitivi e di cultura fotografica mi hanno portato a
vedere la città di Prato sempre più connessa con industria e natura.
Trovo questo rapporto orizzontale contenente un carisma visuale importante
e prezioso per il portfolio della nostra città.

Date: 7 Settembre – 5 Ottobre – 7 Novembre


La Movida – Massimiliano Faralli

Il Laboratorio si propone, anche attraverso l’utilizzo delle strategie e gli
approcci della Street Photography, l’obbiettivo di realizzare un reportage
collettivo sui luoghi della Movida pratese. I partecipanti saranno preparati
all’interazione con i luoghi e le persone, alla lettura dei linguaggi e delle forme, alle tecniche di ripresa, al fine di sviluppare uno stile personale e una
consapevolezza narrativa nella costruzione di una storia che racconti il
fenomeno della Movida nella nostra città.



Date 11 e 27 Luglio – 05 Settembre – 03 Ottobre


Marmo Verde – Andrea Foligni

Ritengo interessante un viaggio che parta dai monumenti (duomo, ecc.) di
Prato (riferimento al centro storico, non preso in esame dagli altri laboratori) e
arrivi alle cave del Monteferrato dove veniva estratto il marmo verde
(serpentino) presente sulle facciate delle chiese romaniche toscane e non solo.
Il lavoro sarà di fotografia documentaria e non escludo dei focus su Galceti
(Centro di Scienze Naturali) e Figline (attività di estrazione continuata fino agli
anni 80).



Date 12 e 26 Settembre – 24 Ottobre – 14 Novembre


Agricoltura Urbana – Gabriele Tartoni

Mi interessa particolarmente l’aspetto del tessuto urbano pratese
“contaminato” positivamente da tutta una serie di infiltrazioni di spazi agricoli,
coltivati in modo professionale per lo più da contoterzisti. Questi spazi
rappresentano un’enorme risorsa per la città di Prato, perché utili sia dal punto
di vista idrogeologico (favoriscono l’infiltrazione delle acque) sia da quello
della biodiversità. Il tutto dovrebbe essere visto attraverso gli occhi di chi, per
la prima volta, scopre un aspetto unico della nostra città, che ne caratterizza
fortemente la sua struttura.


Date 13 e 25 Luglio – 19 Settembre – 10 Ottobre


Città Multietnica – Fabrizio Tempesti

Prato è diventata negli ultimi anni una città multietnica, dove coesistono
persone di etnie, religione, usanze e costumi diversi. Credo che sia importante
promuovere un’indagine fotografica nel Centro Storico, nelle periferie, sui
luoghi di lavoro, negli spazi di socializzazione, per documentare la nuova
realtà senza la pretesa di giudicare. Una buona integrazione si può ottenere
soltanto con la conoscenza reciproca.





Date 20 Luglio – 14 Settembre – 17 e 31 Ottobre


Massimo Querzolo

Postato in Corsi, Workshop Taggato con: ,